Hogan Lovells vince per Hansard Europe DAC davanti al Tribunale di Pesaro

Hogan Lovells ha assistito la compagnia di assicurazioni irlandese, Hansard Europe DAC, in un giudizio promosso da un assicurato italiano che aveva investito oltre 3 milioni di Euro in una polizza vita del tipo unit linked emessa da Hansard e intermediata dalla società di brokeraggio assicurativo, IFB Italy S.r.l.

A fronte della pretesa nullità della polizza, per asserita violazione delle norme TUF sull’intermediazione e in particolare per l’asserita mancata conclusione del contratto quadro, l’assicurato chiedeva la ripetizione del premio, detratti i riscatti parziali.

Hansard Europe ha chiesto il rigetto delle pretese dell’assicurato perché le norme del TUF richiamate dal ricorrente non trovano applicazione in caso di distribuzione assicurativa e perché, in ogni caso, la polizza non era stata collocata da Hansard, ma da un mediatore assicurativo, sui cui gravavano gli obblighi informativi previsti dalla legge.
Il Tribunale di Pesaro ha accolto le difese di Hansard Europe, rilevando che indipendentemente dalla necessità o meno per l’intermediario di stipulare il c.d. “contratto quadro”, non era comunque la compagnia a dover adempiere a tale obbligo, ma appunto l’intermediario, unico soggetto tenuto a rispondere delle eventuali conseguenze della mancata stipula.
Questa decisione del Tribunale di Pesaro contribuisce a consolidare l’orientamento giurisprudenziale cui hanno aderito numerosi Tribunali italiani (tra cui Reggio Emilia, Asti, Forlì, Bergamo, Macerata) che si sono pronunciati in favore di Hansard Europe in casi analoghi promossi contro la compagnia in relazione alla stessa tipologia di polizza.

Gli avvocati Andrea Atteritano e Silvia Lolli affermano che “l’accertata carenza di legittimazione passiva della compagnia riflette la totale estraneità di Hansard Europe rispetto alle vicende che purtroppo hanno interessato i Fondi Global, al cui andamento molte polizze unit-linked erano collegate. Tali fondi non erano stati infatti suggeriti da Hansard Europe, le cui polizze sono state intermediate da consulenti indipendenti che agivano in qualità di broker assicurativi per conto e nell’interesse dei contraenti”.

Il team di Hogan Lovells che assiste Hansard Europe è coordinato da Andrea Atteritano socio del dipartimento di Contezioso e Arbitrati in Italia e Silvia Lolli, Counsel del dipartimento di Diritto Assicurativo dello studio ed è composto da Elena D’Alto, Giulia Angelozzi, Serenella Kaluthantrige, Erik Brouwer, Vincenzo Donadio, Davide Valloni, Carmencita Tuccillo e Andrea Pannacciulli.

Iscriviti alla newsletter