Herbert Smith Freehills sempre più all’avanguardia nelle soluzioni informatiche

LinkedIn

Herbert Smith Freehills ha introdotto un nuovo servizio basato su un software per la valutazione del rischio allo scopo di aiutare i propri clienti a identificare, quantificare e valutare i rischi inerenti a una controversia, in modo da essere in grado di prendere decisioni commerciali più consapevoli.

Il servizio è stato sviluppato da un team specialistico, il “Decision Analysis” team, composto da avvocati che combinano doti statistico/matematiche con una vasta esperienza nella gestione di complessi contenziosi.

Il Decision Analysis team affianca di volta in volta i gruppi di lavoro incaricati della gestione delle singole controversie, al fine di identificare gli aspetti critici e le aree di maggior incertezza e, sulla base di metodi analitici, simulare i possibili esiti ad ogni stadio del procedimento, in modo da consentire ai clienti di conoscere passo a passo e gestire il grado di rischio.

Si tratta di un servizio di analisi che può essere messo a disposizione dei clienti in tutti i casi in cui, a fronte di una situazione di incertezza, occorra prendere decisioni quali, ad esempio, se iniziare un’azione legale, quali siano i rischi e costi connessi, o se sia il caso di cercare o accettare una soluzione transattiva.

Creato dai partner di Herbert Smith Freehills Alexander Oddy e Donny Surtani, negli ultimi due anni il servizio è stato utilizzato con successo da numerosi clienti dello Studio internazionale ed è ora esteso a tutti gli uffici di Herbert Smith Freehills.

“Motivati dai risultati ottenuti in altri uffici, anche in Italia abbiamo deciso di fornire ai nostri clienti questo servizio che rappresenta un valore aggiunto alla nostra offerta, in cui il contenzioso riveste un ruolo centrale – spiega Laura Orlando, Managing Partner dell’ufficio milanese – È un servizio che aiuta i clienti a spersonalizzare e rendere più oggettivi i processi decisionali, in modo da gestire meglio il rischio legato al contenzioso”.

Share.

Comments are closed.