I giovani avvocati: una sola prova abilitante per accorciare i tempi

LinkedIn

Nuova puntata di Tempi Legali. Ospite ai nostri microfoni Antonio De Angelis, presidente Aiga (Associazione italiana giovani avvocati), per parlare dell’impasse che riguarda l’esame di abilitazione forense 2020, rinviato sine die dal ministero della giustizia.

“Abbiamo iniziato a muoverci già da maggio, chiedendo al ministro di prevedere lo svolgimento di una sola prova scritta, l’atto giudiziario, attraverso una dislocazione delle sedi di esame. Questo avrebbe consentito di svolgere un esame più sicuro da un lato e più rapido da correggere dall’altro. Abbiamo chiesto al ministro di fissare delle date, perché il Governo parla di primavera, che però va da marzo a giugno. Noi chiediamo che le prove si realizzino a marzo in modo da iniziare gli orali entro il 1° settembre ed evitare sovrapposizioni con l’esame 2021”.

De Angelis si è dichiarato inoltre favorevole alla proposta dell’Ordine degli avvocati di Milano di studiare le modalità di previsione degli scritti a distanza.

Share.

Comments are closed.