Iannaccone nel dissequestro del marchio Borsalino

In seguito alla memoria depositata dall’Avv. Giuseppe Iannaccone, la Procura ha revocato il sequestro del celebre marchio di cappelli.

[auth href=”https://www.lefonti.legal/registrazione/” text=”Per leggere l’intero articolo devi essere un utente registrato.
Clicca qui per registrarti gratis adesso o esegui il login per continuare.”]
Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria dott. Tiziano Masini ha revocato il sequestro preventivo del marchio Borsalino in seguito alla memoria depositata dall’avv. Giuseppe Iannaccone, difensore di fiducia dell’imprenditore italo svizzero Philippe Camperio, in cui si evidenziava il raggiungimento di un accordo transattivo tra la Curatela della Borsalino Spa e Haeres Equita, società di cui il dott. Camperio è legale rappresentante.

Nelle negoziazioni con la Curatela fallimentare, Haeres Equita è stata assistita dallo Studio Iannaccone Associati, con un team guidato da Giuseppe Iannaccone insieme con il socio Daniela Carloni e gli avvocati Serena Cremonesi e Valentino Fracasso, e dallo Studio Delfino e Associati Willkie Farr & Gallagher LLP, con il partner Alessandro Monza, coadiuvato dalla Senior associate Giovanna Vercesi.
[/auth]

Iscriviti alla newsletter