Private Equity

Tutti gli advisor nell’acquisizione di Engineering di Bain Capital e NB Renaissance Partners

Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners e Gatti Pavesi Bianchi hanno assistito un consorzio costituito da Bain Capital e NB Renaissance Partners, fondo di Neuberger Berman dedicato agli investimenti di private equity in Italia, nell’acquisizione di Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. da Apax Partners e da un diverso fondo di NB Renaissance Partners, assistiti da Simpson Thacher & Bartlett e BonelliErede.

Di Tanno e Associati ha assistito NB Renaissance Partners per gli aspetti fiscali della transazione mentre Bain Capital è stata assistita da Pirola Pennuto Zei & Associati.
Il top management di Engineering investirà nella società insieme a Bain Capital e NB Renaissance Partners.
Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. è leader nella fornitura di servizi informatici, sviluppo software e piattaforme digitali a supporto dei clienti nei loro progetti di trasformazione digitale.

Gattai Minoli Agostinelli & Partners ha agito con un team guidato dai Partner Bruno Gattai e Gerardo Gabrielli e dal Counsel Lorenzo Fabbrini e composto dai Counsel Damiano Battaglia e Nicola Martegani, e dagli Associate Jacopo Ceccherini e Roberto Garrone. I profili relativi al finanziamento dell’operazione sono stati seguito dal Partner Gaetano Carrello con gli associate Niccolò Vernillo, Marcello Legrottaglie e Pasquale Spiezio. Le tematiche antitrust sono state seguite dal Partner Silvia D’Alberti e dall’Associate Michele Laterza.

Gatti Pavesi Bianchi ha agito con un team guidato dall’Equity Partner Gianni Martoglia, con la Counsel Silvia Palazzetti, l’Associate Giulia Fazzioli e con Daniele Bartoli. I profili antitrust sono stati seguiti dal Counsel Andrea Torazzi mentre quelli regolamentari dalla Associate Elisa Patelli.
Per Di Tanno e Associati, invece, il team che ha seguito l’operazione è stato composto dai Partner Fabio Brunelli e Marco Sandoli, coadiuvati dall’Associate Edoardo Diotallevi.
Pirola Pennuto Zei & Associati ha assistito Bain Capital per gli aspetti di tax due diligence e structuring con un team formato dai Partner Stefano Tronconi e Nathalie Brazzelli.
Simpson Thacher & Bartlett ha agito con un team composto dal partner Derek Baird e dall’associate James Campisi, e BonelliErede ha agito con un team guidato dai partner Elena Busson e Augusto Praloran e composto dalle associate Merilina Lima Brito e Francesca Ricceri per i profili corporate, il partner Massimo Merola, membro della Task Force Golden Power, per i profili a quest’ultima correlati, e il partner Vittorio Pomarici per gli aspetti giuslavoristici.
Il top management di Engineering è stato assistito dallo Studio Accinni, Cartolano e Associati con un team guidato dall’Avvocato Francesco Cartolano.

Legance nel primo closing del Fondo EC I di Entangled Capital

Legance – Avvocati Associati ha assistito il Fondo EC I di Entangled Capital SGR nel primo closing.

Il Fondo EC I è il primo della sgr fondata da Roberto Giudici e Anna Guglielmi, nata con lo scopo di promuovere un fondo di Private Equity con un approccio maggiormente operativo nel settore delle piccole e medie imprese, investendo in realtà industriali, produttive e tecnologiche, coniugando la professionalità del team di gestione con le esperienze maturate dagli operating partner coinvolti in alcune fasi del processo di investimento.
Il team di Legance – Avvocati Associati ha coinvolto il partner Barbara Sancisi e l’associate Enrico Sartori.

Tutti gli studi nel build up Xenon Private Equity su ERP e Digital Transformation

Si è tenuto il closing dell’operazione di build up completata da Xenon Private Equity VII nel settore ERP e Digital Transformation.

In particolare Xenon, con un team coordinato dal Managing Director Danilo Mangano, ha completato un investimento in equity nella società Impresoft e contestualmente sono state perfezionate le operazioni di acquisto da parte di Impresoft di 4Ward e di un altro importante gruppo operante nel settore ERP.

LCA Studio Legale, con un team coordinato da Benedetto Lonato, Riccardo Massimilla, Stefano Giannone Codiglione, Alessia Ajelli e Edoardo Berni, ha assistito Impresoft ed il suo socio di riferimento Antonello Morina, ora anche presidente del nuovo gruppo, nelle attività inerenti l’ingresso di Xenon e le operazioni di acquisizione di 4Ward e del gruppo ERP, nonché con riferimento a tutti gli accordi parasociali in essere con i manager che hanno reinvestito nel gruppo, tra cui Rossano Ziveri che rivestirà il ruolo di amministratore delegato.

Sempre LCA, con un team composto da Davide Valli e Luca Liberti, ha assistito Xenon e Impresoft nella negoziazione degli accordi per il finanziamento dell’operazione da parte di un pool di banche composto da Banco BPM S.p.A., Crédit Agricole Italia S.p.A. e MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A., in qualità di Bookrunners, Mandated Lead Arrangers e Original Lenders, assistite a loro volta dallo studio legale Dentons con un team composto da Alessandro Fosco Fagotto, Tommaso Zanirato e Gaia Grossi.

Deloitte Legal, con un team composto da Giorgio Mariani, Laura Tredwell e Giacomo Bertone, ha assistito 4ward ed i suoi soci nella cessione di 4ward nonché i manager della stessa che hanno reinvestito nel nuovo gruppo partecipato da Xenon, in particolare Christian Parmigiani e Andrea Pichler, con riferimento agli accordi parasociali in essere relativi al nuovo gruppo e alle pattuizioni inerenti i ruoli chiave che rivestiranno nel nuovo gruppo.

R&P Legal, con un team composto da Claudio Elestici e Sabrina Straneo, ha assistito Xenon nelle trattative inerenti le pattuizioni parasociali con il socio Antonello Morina e nei relativi accordi di investimento in Impresoft.

Di Tanno con Igi Private Equity Sgr nel secondo closing del fondo Igi Investimenti Sei

Di Tanno e Associati ha assistito IGI Private Equity SGR nel secondo closing di IGI Investimenti Sei, il sesto fondo gestito dalla Società.

IGI Investimenti Sei è un fondo di private equity dedicato alle piccole e medie imprese, che prosegue la strategia di investimento avviata dalla Società nel 2010. Il secondo closing ha portato il fondo a quota 140 milioni di euro, e segue il primo, che aveva raggiunto l’importo di 100 milioni. Di Tanno e Associati ha assistito IGI Private Equity SGR con un team guidato dai Partner Ottavia Alfano per i profili fiscali ed Andrea Tonon per i profili regolamentari.

Tutti gli studi coinvolti nell’acquisizione di Ceramica Rondine Spa

Italcer, società capogruppo dell’omonimo Gruppo ceramico controllato dal fondo di private equity Mandarin Capital Partners II (“MCP”), ha completato oggi l’acquisizione del 100% della Ceramica Rondine Spa di Rubiera.

MCP è stata assistita da Legance – Avvocati Associati con un team guidato dai partner Marco Gubitosi e Gabriele Capecchi, coadiuvati: per la parte acquisition, dal senior associate Andrea Tortora della Corte e dagli associate Marianna Consiglio e Sofia Roveta; per la parte equity concernente gli aumenti di capitale che hanno visto, tra gli altri, la partecipazione al progetto di Capital Dynamics, dal senior associate Andrea Cazzani; per gli aspetti relativi al financing, dal senior counsel Marco Iannò e dagli associate Leonardo Bafunno e Jurgen Hyka; e per alcuni aspetti contrattuali del senior associate Giorgio Colombo e dell’associate Niccolò Trombetta.

In relazione al finanziamento Banca IMI e Mediocredito Italiano sono stati assistiti da Simmons & Simmons, che ha agito con un team guidato dai partner Davide D’Affronto (per gli aspetti di diritto italiano) e Nicholas Lasagna (per gli aspetti di diritto inglese) nonché dal managing associate Alessandro Elisio, dal supervising associate Fabrizio Nebuloni e da Alma Migliorini.

Capital Dynamics, player britannico leader nelle gestioni di fondi alternativi, che è entrato così a far parte del progetto – insieme, oltre che MCP, ai francesi di Idinvest ai tedeschi di HQ Capital e ad un gruppo di famiglie imprenditoriali italiane – è stato assistito da Raynaud Studio Legale con il Socio Daniele Raynaud e la Senior Associate Barbara Degli Esposti.

L’acquirente è stato assistito, per gli aspetti fiscali, da EY – Studio Legale Tributario, con il socio Quirino Imbimbo e gli associate Alessandro Pina e Carmen Giuliano; per l’assistenza relativa alle analisi di Due Diligence finanziaria, da EY, con il socio Enrico Silva ed il senior manager Mario Arnone; mentre PWC, con un team composto dal socio Alessandro Azzolini e dagli associate Antonella Lenza e Andrea Di Cello, ha agito quale debt advisor.

I soci uscenti di Rondine Lauro Giacobazzi, Silvia Milesi, Giada Giacobazzi e Daila Giacobazzi, da un lato, e Seramiksan Turgutlu Seramik Sanayi Ve. Ticaret A.S., sono stati assistiti rispettivamente dallo Studio Legale Rucellai & Raffaelli, con il Socio Enrico Sisti, dal Prof. Rolandino Guidotti e dall’Avv. Barbara Verri dello Studio Guidotti.

Lo studio Milano Notai, con il notaio Giovannella Condò, ha curato gli aspetti notarili dell’operazione.

Questa acquisizione segue quelle di La Fabbrica Spa, Elios Ceramica Spa e Devon&Devon Spa, concluse a partire dal mese di maggio dello scorso anno in relazioni alle quali il fondo si è sempre avvalso dell’assistenza di Legance Avvocati Associati. Con Rondine, il Gruppo Italcer si va a posizionare, con quasi 200 milioni di euro di fatturato e oltre 35 di Ebitda, al 6°posto tra gli operatori italiani del settore. Il progetto di realizzazione di un cluster di imprese ceramiche del medio-alto di gamma, era stato presentato ad Alberto Forchielli partner fondatore di MCP a fine 2016 da Graziano Verdi, ex Presidente e CEO di Graniti Fiandre, del Gruppo Iris Ceramica ed anche di Technogym e successivamente della multinazionale belga Koramic. L’idea di fondo di Verdi e MCP, è quella di realizzare significative sinergie a livello produttivo e commerciale in un comparto – quello della ceramica italiana di qualità – che, per quanto fortemente competitivo a livello mondiale, è ancora caratterizzato da una forte frammentazione.

Scroll to top