Mediaset

Cleary Gottlieb vince per Vivendi contro il Gruppo Mediaset e Fininvest

Cleary Gottlieb vince per Vivendi contro il Gruppo Mediaset e Fininvest dinanzi al Tribunale di Milano.

Cleary Gottlieb con Vivendi nella sentenza della Corte Ue che ribalta le regole italiane del mondo media tlc

Con la sentenza emessa ieri, la Corte di giustizia dell’Unione europea ha stabilito che è contraria al diritto Ue la norma italiana che limita di fatto al 9,9% la partecipazione di Vivendi nel capitale di Mediaset, impedendole di acquisire il 28%.

Nel dettaglio, i giudici Ue hanno integralmente accolto le argomentazioni di Vivendi sulla contrarietà dell’art. 43, comma 11, del Tusmar con il principio di libertà di stabilimento sancito dall’art. 49 Tfue.
La Corte di giustizia si è pronunciata a seguito di un rinvio pregiudiziale formulato dal Tar Lazio, nel giudizio promosso da Vivendi per l’annullamento della delibera con cui l’Agcom aveva ritenuto contrario all’art. 43, comma 11, del Tusmar che Vivendi potesse esercitare un’influenza notevole sia su Tim che su Mediaset, detenendo oltre il 10% dei diritti di voto in ciascuna delle due società.
Accogliendo le argomentazioni di Vivendi, la Corte di giustizia ha statuito che il principio di libertà di stabilimento “osta ad una normativa di uno Stato membro che ha l’effetto di impedire ad una società registrata in un altro Stato membro, i cui ricavi realizzati nel settore delle comunicazioni elettroniche, come definito ai fini di tale normativa, siano superiori al 40% dei ricavi complessivi di tale settore, di conseguire nel SIC ricavi superiori al 10% di quelli del sistema medesimo”.
I giudici e le autorità nazionali sono tenuti, sin d’ora, a disapplicare le norme di diritto nazionale ritenute in contrasto con i principi del diritto dell’Unione europea dalla Corte di giustizia.
Proprio sulla base della norma ritenuta invalida dalla Corte di giustizia, Mediaset aveva escluso una quota delle azioni di Vivendi (eccedenti il 9,99%) dal voto alle assemblee del 4 settembre 2019 e del 10 gennaio 2020, che avevano così approvato il progetto di fusione transfrontaliera di Mediaset.
Contro le delibere di fusione Vivendi si è rivolta ai tribunali italiani, spagnoli e olandesi. Nell’ambito di tali giudizi, Vivendi ha ottenuto recentemente due importanti vittorie presso il Tribunale delle Imprese di Madrid (il 28 luglio 2020) e la Corte d’Appello di Amsterdam (il 1° settembre 2020), che hanno riconosciuto la natura abusiva dell’operazione. A seguito di queste sentenze, Mediaset ha deciso di abbandonare il progetto di fusione transfrontaliera.
Il team di Cleary Gottlieb che ha assistito Vivendi nel procedimento avanti la Corte di giustizia dell’Unione europea Vivendi è composto dagli avvocati Giuseppe Scassellati, Marco D’Ostuni, Gianluca Faella, Giulio Cesare Rizza e Michael Tagliavini, a cui si aggiungono gli avvocati Ferdinando Emanuele, Francesca Gesualdi, Paolo Rainelli, Roberto Argeri, Federico Cenzi Venezze, Giovanna Ciccioli, Davide Gianni, Alessio D’Alessandro e Claudia Cardelli, che sono stati convolti negli altri contenziosi e negli aspetti di diritto societario. Il team di Cleary Gottlieb ha coordinato la strategia legale in tutte le giurisdizioni, lavorando con gli studi Araoz y Rueda in Spagna e De Brauw in Olanda.

Legance con F2i e Mediaset nel delisting di EI Towers

Legance – Avvocati Associati ha assistito F2i e Mediaset nella procedura di squeeze out avente ad oggetto le azioni ancora in circolazione di EI Towers, a seguito dell’offerta pubblica totalitaria lanciata dal veicolo 2i Towers per un controvalore complessivo di circa 1,61 miliardi di euro.

Il team di Legance è stato guidato dal senior partner Filippo Troisi, coadiuvato dal managing associate Marco Sagliocca e dall’associate Erwin Zanetti. I profili legati al finanziamento sono stati curati dal senior counsel Tommaso Bernasconi e dal senior associate Marco Gagliardi.

L’OPA ha riscosso un notevole successo, avendo ottenuto adesioni superiori al 97,4% del capitale sociale di EI Towers.

Per effetto della procedura di squeeze out, 2i Towers viene a detenere l’intero capitale sociale di EI Towers e, pertanto, Borsa Italiana ha disposto la revoca dalla quotazione sul MTA delle azioni EI Towers a decorrere dalla data odierna.