antitrust

Gitti and Partners: Sciaudone guida il nuovo dipartimento Antitrust

Gitti and Partners apre il nuovo dipartimento Antitrust guidato da Riccardo Sciaudone.

Sciaudone proviene dallo studio legale Delfino e Associati Willkie Farr & Gallagher LLP e ha maturato una significativa esperienza presso la Commissione europea. Nel 2018, è stato nominato membro dell’Advocacy Working Group all’interno dell’International Competition Network.

Il nuovo dipartimento Antitrust si aggiunge a quello Tax, guidato da Diego De Francesco (che ha visto anche da ultimo l’innesto del team di contenzioso fiscale guidato da Marco Ettorre) e Capital Market guidato da Vincenzo Armenio, che lo Studio ha recentemente costituito per rafforzare e completare la gamma di servizi legali offerti in modo integrato ai propri clienti nazionali e internazionali.

“Siamo particolarmente onorati e felici che una professionista dello spessore di Riccardo – hanno affermato Gregorio Gitti, Stefano Roncoroni e Vincenzo Giannantonio, membri del Comitato Esecutivo dello Studio – abbia deciso di unirsi a noi, apportando un contributo di eccellenza in un’area cruciale e delicata per le operazioni straordinarie seguite dallo Studio”. “Dopo l’ingresso di Riccardo, peraltro,” continuano i tre professionisti, “il nostro Studio continuerà la propria politica di crescita mirata ad attirare professionisti in grado di apportare valore aggiunto allo Studio e ai suoi Clienti”.

Chiomenti, Pierallini e Clarich con Alitalia LAI per il cartello nel settore delle Airport Fees

Chiomenti, Pierallini e Clarich ottengono oltre quattro milioni di euro in favore di Alitalia LAI per il cartello nel settore delle Airport Fees.

In data 27 febbraio 2020, la procedura di Amministrazione Straordinaria di Alitalia LAI S.p.A., assistita dagli Studi Chiomenti, Clarich e Pierallini, ha ottenuto la condanna di talune compagnie petrolifere al pagamento di un importo complessivo di euro 4.384.129,00 oltre interessi legali dalla domanda (per oltre 150.000,00 Euro) e spese legali, all’esito di tre giudizi follow-on radicati, a seguito di un provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, per la ripetizione di quanto versato, nel decennio compreso tra il 1999 ed il 2009, alle medesime compagnie petrolifere a titolo di royalties sulla fornitura di carburante in ambito aeroportuale.

La procedura di amministrazione straordinaria di Alitalia LAI S.p.A. è stata assistita da Chiomenti con un team composto da Stefania Bariatti e da Stefano Passeri, da Laura Pierallini (name partner dello Studio Pierallini), da Marcello Clarich (name partner dello Studio Clarich), da Lorenzo Sperati (partner dello Studio Pierallini) e da Giuliano Fonderico (partner dello Studio Clarich).

Sky Italia con Cleary Gottlieb nell’accoglimento del ricorso al Tar Lazio

Con sentenza n. 2932 dello scorso 5 marzo 2020, il Tar Lazio ha accolto il ricorso presentato da Sky Italia, annullando il provvedimento dell’AGCM n. 27784 del 20 maggio 2019, reso nel procedimento C12207 – Sky Italia/R2.

Sky Italia è stata assistita da un team di Cleary Gottlieb composto da Marco D’Ostuni, Matteo Beretta, Luciana Bellia, Marco Zotta e Jacopo Figus Diaz, nonché da Angelo Clarizia.
Il provvedimento impugnato ravvisava la ricorrenza di un’operazione di concentrazione che autorizzava condizionatamente, sebbene Sky Italia avesse medio tempore restituito la società R2 al gruppo Mediaset, imponendo delle misure ai sensi dell’articolo 18, comma 3, della legge n. 287/1990, tra cui il divieto, per il gruppo Sky, di stipulare nuovi contratti di acquisizione dei contenuti audiovisivi e di canali lineari di editori terzi per il territorio italiano con clausole di esclusiva per la piattaforma internet o con clausole aventi effetti equivalenti.
Il TAR Lazio ha ritenuto fondate sia le censure di natura procedurale sollevate da Sky Italia, data la significativa diversità tra l’operazione oggetto di notifica e quella residua e oggetto del provvedimento di autorizzazione condizionata dell’AGCM, sia quelle di natura sostanziale, per non avere l’AGCM correttamente accertato la natura concentrativa dell’operazione dopo l’abbandono del progetto originario.

Grimaldi, Clifford Chance, GOP e Legance nel procedimento AGCM per la gara gas del Comune di Genova

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso il procedimento istruttorio A/527 senza accertare alcuna infrazione nei confronti di Ireti S.p.A., Italgas Reti S.p.A. e 2I Rete Gas S.p.A..

In sede di avvio istruttoria, nel marzo 2019, l’AGCM aveva ipotizzato che alcune condotte delle parti potessero configurare un abuso di posizione dominante diretto a rallentare l’avvio, da parte del Comune di Genova, della procedura di affidamento del servizio di distribuzione del gas nell’ATEM Genova 1.

Con delibera del 14 gennaio 2020, l’AGCM ha chiuso il caso senza accertare violazioni della normativa antitrust, rendendo vincolanti alcune misure spontaneamente assunte dalle parti.

Grimaldi Studio Legale ha assistito Ireti S.p.A. con un team composto dal managing partner Francesco Sciaudone, dal partner Daniela Fioretti e da Andrea Neri.

Clifford Chance e Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners hanno assistito Italgas Reti S.p.A., con due team costituiti rispettivamente dal socio Luciano Di Via e dal senior associate Pasquale Leone, nonché dal socio Piero Fattori e dal senior associate Andrea Pezza.

2I Rete Gas S.p.A. è stata assistita da Legance con un team composto dal partner Vito Auricchio e dalla senior associate Nicoletta De Mucci.

BonelliErede con Adecco Formazione nel procedimento Antitrust relativo alla Gara Consip salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso il procedimento istruttorio I/822, accertando l’esistenza di un’intesa illecita posta in essere da alcuni dei maggiori player attivi nel settore della fornitura dei servizi integrati di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro volta ad alterare gli esiti di aggiudicazione della Gara SIC 4 indetta da Consip spa nel dicembre 2015. 


Alla luce di una complessa attività istruttoria, durata oltre un anno e mezzo, l’AGCM ha escluso dall’illecito Adecco Formazione che, nella sua veste di società mandante di uno dei tre raggruppamenti temporanei di impresa (“RTI”) che risultano aver presentato offerte a scacchiera, non era nemmeno a conoscenza delle condotte anticoncorrenziali ascritte alla società mandataria del RTI.
BonelliErede ha affiancato Adecco Formazione nell’ambito del procedimento dinanzi all’AGCM, con un team coordinato da Maurizio Pappalardo e composto dall’associate Jacopo De Luca e dal trainee Tommaso Olivieri.
Il provvedimento finale ha invece sanzionato le società mandatarie dei tre raggruppamenti temporanei di impresa che risultano aver presentato offerte a scacchiera per un totale di oltre 3 milioni di Euro.

Legance e White & Case nella compravendita di una partecipazione in Corporacion America Italia

Gli studi Legance e White & Case insieme nella compravendita di una partecipazione pari al 25% del capitale sociale di Corporacion America Italia.

Legance – Avvocati Associati e White & Case hanno assistito, rispettivamente, Investment Corporation of Dubai, fondo sovrano dell’Emirato di Dubai, e il gruppo Corporacion America Airports, quotato al New York Stock Exchange, nella sottoscrizione di un contratto di compravendita di azioni per l’acquisto, da parte di una società indirettamente controllata da Investment Corporation of Dubai, di una partecipazione pari al 25% del capitale sociale di Corporacion America Italia S.p.A., società che detiene il controllo di Toscana Aeroporti S.p.A.

Nell’ambito dell’operazione, Legance – Avvocati Associati e White & Case hanno inoltre assistito, rispettivamente, Investment Corporation of Dubai, e il gruppo Corporacion America Airports in connessione con le attività richieste ai sensi del trust deed con il quale Corporacion America Italia S.p.A. ha emesso il proprio prestito obbligazionario di diritto inglese quotato presso la Borsa di Vienna.

Il closing dell’operazione è soggetto al rilascio delle necessarie autorizzazioni antitrust. Legance – Avvocati Associati ha agito con un team coordinato dal partner Giorgio Vanzanelli e dal senior counsel Andrea Botti, coadiuvati dai senior associate Andrea Cazzani e Stefano Bandini. I profili regolamentari dell’operazione sono stati seguiti dal partner Alessandro Botto, coadiuvato dall’associate Giacomo Testa, mentre gli aspetti antitrust sono stati seguiti dal partner Vito Auricchio coadiuvato dalla senior associate Elisabetta Grassi e dall’associate Nicoletta De Mucci.

White & Case ha agito con un team che ha compreso i partner Ferigo Foscari e Paul Alexander e gli associate Alessandro Seganfreddo, Andrea Pretti, Lorenzo Colombi Manzi e Charles English (tutti dell’ufficio di Milano).

CMS e BonelliErede nell’acquisizione di Cuki da parte del Gruppo Melitta

CMS e BonelliErede hanno assistito il Gruppo Melitta nell’acquisizione del 100% di Cuki.

CMS ha assistito la multinazionale Melitta Group Management GmbH & Co. KG per l’acquisto del 100% delle azioni della società Cuki Group SpA (“Cuki”), leader di mercato in Italia nel settore del packaging alimentare con i marchi Cuki® e Domopak®.

Cuki nel 2017 ha realizzato un fatturato di 200 milioni di euro, di cui un quarto all’estero ed attualmente impiega complessivamente 503 persone e conta 376 addetti in Italia.

L’operazione, subordinata all’approvazione da parte delle competenti Autorità Antitrust, è prevista perfezionarsi nei prossimi mesi.

Il Gruppo Melitta è stato assistito da CMS con un team multidisciplinare guidato dal partner Dietmar Zischg coadiuvato dal counsel Francesco Sabatino e dall’associate Alessandro Sassone. La partner Francesca Sutti ha seguito i profili di Antitrust mentre il partner Mauro Battistella ha curato gli aspetti finance. Gli aspetti fiscali e di diritto del lavoro sono stati rispettivamente seguiti dal partner Federico Raffaelli e dalla senior associate Giulia Camilli.

Melitta è una multinazionale con 110 anni di storia, con un fatturato consolidato nel 2017 di 1,54 miliardi, leader nella produzione e distribuzione di prodotti dedicati al caffè e nei prodotti per la conservazione e preparazione degli alimenti e per la pulizia domestica.

Nell’ambito dell’operazione, BonelliErede ha assistito l’azionista di maggioranza e CEO di Cuki, Corrado Ariaudo, nella cessione della propria partecipazione e nella negoziazione di una serie di accordi ancillari con un team multidisciplinare composto dai partner Umberto Nicodano e Stefano Micheli, dal senior associate Luca Del Nunzio e dall’associate Fabio Saguato. Francesco Anglani, partner, e Giorgio Bitonto, senior associate, hanno curato gli aspetti antitrust; Antonio La Porta, partner, ha seguito i profili di financing e il partner Riccardo Ubaldini, con il managing associate Giulio Mazzotti, quelli fiscali. Arianna Colombo, senior counsel, si è occupata degli aspetti legati al diritto del lavoro.

Iscriviti alla newsletter