Capital markets: Equity

Baldazzi Zattera & Associati con Digital Technologies nell’emissione di un bond da 2,5 milioni di euro

Baldazzi Zattera & Associati, con il partner Manuel Baldazzi e l’associate Valentina Capucciati, ha assistito Digital Technologies S.r.l., nella predisposizione del business plan aziendale finalizzato all’emissione di un bond da 2,5 milioni di euro

Gop e Orrick nel Green Bond di Iren

Gianni & Origoni e Orrick, Herrington & Sutcliffe (Europe) LLP hanno fornito assistenza legale nel contesto dell’aggiornamento del Programma di emissioni obbligazionarie di Iren

Gianni & Origoni e Dentons per il Programma Emtn di Cassa Centrale Banca

Gianni & Origoni e Dentons hanno fornito assistenza nella ricostituzione del programma di emissioni obbligazionarie di Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano S.p.A. denominato “€3,000,000,000 Euro Medium Term Note Programme”.

Allen & Overy con FCA Bank nel bond da 850 milioni di euro

FCA Bank, con l’assistenza di Allen & Overy, ha annunciato il collocamento di un prestito obbligazionario per un valore nominale di 850 milioni di Euro e scadenza a tre anni (novembre 2023).

I titoli corrispondono una cedola annua a tasso fisso dello 0,125% e saranno quotati presso il mercato regolamentato della Borsa Irlandese (Euronext Dublin). L’emissione, avvenuta tramite la filiale irlandese della società ai sensi del programma Euro Medium Term Note da 12 miliardi di Euro.

Il team di Allen & Overy è guidato dai partner Cristiano Tommasi  e Craig Byrne del dipartimento ICM – International Capital Markets, coadiuvati dalla senior associate Sarah Capella e dall’associate Carolina Gori.

Legance nell’Ipo di Tecma Solutions

Legance ha assistito Tecma Solutions, tech company specializzata nel settore del Real Estate, nella procedura di ammissione alle negoziazioni sull’AIM Italia delle relative azioni ordinarie.

La società, d’intesa con il Global Coordinator, ha anticipato la chiusura del bookbuilding finalizzato all’ammissione a quotazione ricevendo ordini per un controvalore complessivo sensibilmente superiore al controvalore massimo dell’offerta. La data di inizio delle negoziazioni è fissata per lunedì 9 novembre 2020.
L’ammissione alle negoziazioni su AIM Italia è avvenuta a seguito del perfezionamento di un’offerta interamente in sottoscrizione che ha visto il collocamento, rivolto principalmente a investitori qualificati italiani e investitori professionali esteri, di n. 2.125.200 azioni di nuova emissione rivenienti da un aumento di capitale a servizio della quotazione, per un ammontare complessivo pari a 8,5 milioni di euro. Il prezzo di collocamento delle azioni ordinarie è stato fissato in 4 euro per azione; sulla base di tale prezzo è prevista una capitalizzazione post aumento di capitale pari a circa 31,5 milioni di euro.

Il flottante è pari al 29,2% del capitale sociale della Società.
Il team di Legance è stato guidato dal partner Giorgio Vanzanelli con il managing associate Stefano Bandini, l’associate Giulia Marina Lazzari e gli associate Eleonora Furio, Elisa Tedeschi e Diego Valenti.

LCA nel lancio dell’aumento di capitale e del prestito obbligazionario convertibile di H-Farm

H-Farm S.p.A., società quotata all’AIM Italia, ha deliberato un aumento di capitale in opzione offerto agli azionisti della società per massimi euro 4 milioni, un aumento di capitale riservato a investitori qualificati per massimi euro 6 milioni e l’emissione di un prestito obbligazionario convertibile per complessivi massimi euro 10 milioni offerto in prelazione, per euro 4 milioni, agli azionisti della società sottoscrittori dell’aumento di capitale in opzione e, per euro 6 milioni, ai sottoscrittori dell’aumento di capitale riservato a investitori qualificati.

H-Farm è stata assistita, per gli aspetti legali, da LCA Studio Legale con un team composto da Andrea Messuti e Giuditta Rege, mentre, per gli aspetti fiscali dell’operazione, dallo Studio Saccardi e Associati con Giuliano Saccardi e Cristina Campagnaro.
Envent Capital Market ha agito come Global Coordinator con Paolo Verna, Michele Di Nardo e Luca Perconti. Gli aspetti notarili sono stati seguiti dallo studio Zabban Notari Rampolla & Associati con un team formato dal notaio Filippo Zabban, dall’avvocato Enrica Zabban e dal dottor Andrea Pegolo.

Legance e BonelliErede nell’Ipo di Osai Automation System

Legance ha assistito OSAI Automation System, azienda attiva nella progettazione e produzione di macchine e linee complete per l’automazione e il testing su semiconduttori, nella procedura di ammissione alle negoziazioni delle relative azioni ordinarie e warrant sull’AIM Italia.

La data di inizio delle negoziazioni è stata fissata per martedì 3 novembre 2020.

L’ammissione alle negoziazioni sull’AIM Italia segue al perfezionamento di un’offerta in sottoscrizione, di azioni rivenienti da un apposito aumento di capitale, e in vendita, delle azioni costituenti la partecipazione dell’azionista Margherita Bassino pari al 5% del capitale sociale esistente, rivolta ad investitori qualificati (italiani ed esteri) ed al pubblico indistinto (con modalità tali da rientrare nei casi di esenzione dall’obbligo di pubblicazione di un prospetto informativo). L’operazione ha altresì previsto, quale sua ulteriore componente, una soluzione innovativa costituita dall’assegnazione agli investitori di due distinte tipologie di warrant: gli Short-Run Warrant e i Market Warrant, quest’ultimi negoziabili sull’AIM Italia separatamente alle azioni.

Il team di Legance è stato guidato dal partner Giorgio Vanzanelli con il managing associate Stefano Bandini, l’associate Giulia Marina Lazzari e gli associate Eleonora Furio, Elisa Tedeschi e Diego Valenti.
BonelliErede ha agito al fianco di BPER Banca, Nominated Adviser e Global Coordinator, fornendo assistenza nel procedimento di ammissione a quotazione, nella strutturazione dell’offerta e degli Short-Run Warrant e dei Market Warrant e dei relativi meccanismi di assegnazione ed esercizio. Il team di BonelliErede è stato guidato dal partner Vittoria Giustiniani, coadiuvata dal senior associate Alessandro Capogrosso – rispettivamente leader e membro del Focus Team Equity Capital Markets – e composto da Andrea Serena e Angelo Finamore.
Caretti e Associati ha agito in qualità di advisor finanziario, BDO in qualità di società di revisione.

Allen & Overy e Orrick nell’emissione da 750 milioni di euro di Inwit

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. (INWIT) ha annunciato il collocamento di un prestito obbligazionario per un valore nominale di 750 milioni di Euro e scadenza a otto anni (21 ottobre 2028).

Si tratta della seconda emissione obbligazionaria per INWIT e, come per il bond inaugurale da 1 miliardo di Euro emesso a luglio, l’operazione ha visto il coinvolgimento di Allen & Overy a fianco del pool di istituti finanziari e di Orrick con la società emittente, INWIT.

I titoli che hanno cedola fissa annua parti all’1,625%, sono emessi nell’ambito del Programma Euro Medium Term Notes (EMTN) di INWIT e saranno quotati presso il mercato regolamentato della Borsa del Lussemburgo.

Il team di Allen & Overy che ha assistito gli istituti finanziari Joint Bookrunners –  tra cui BNP Paribas, Crédit Agricole Commercial Investment Bank, Mediobanca – e  altri Bookrunner – tra cui Banca Akros, Banca IMI, Banco Bilbao Vizcaya S.A. e SMBC Nikko – è guidato dai partner del Dipartimento International Capital Markets Cristiano Tommasi e Craig Byrne, coadiuvati dalla counsel Alessandra Pala, con la associate Cristina Palma e il trainee Paolo Arena. Gli aspetti fiscali sono stati curati dal senior associate Elia Ferdinando Clarizia e dal trainee Lino Ziliotti.

Orrick ha assistito Inwit con un team guidato dai partner Patrizio Messina e Alessandro Accrocca , coadiuvati da Serena Maffeis e Cosimo Spagnolo.

Chiomenti e Linklaters nel nuovo bond sustainability-linked di Enel

Linklaters e Chiomenti hanno assistito, rispettivamente, i joint lead managers ed Enel Finance International N.V. nel lancio, da parte di quest’ultima, di un’emissione obbligazionaria “Sustainability-Linked” garantita da Enel e lanciata nell’ambito del programma Euro Medium Term Notes (EMTN) – per un totale di 500 milioni di sterline.

L’emissione, la prima nel suo genere sul mercato in sterline, è volta a soddisfare l’ordinario fabbisogno finanziario del Gruppo e segue l’adozione da parte di Enel di un “Sustainability-Linked Financing Framework”, il primo documento a livello mondiale che presenta l’intera strategia finanziaria “Sustainability-Linked” tramite molteplici soluzioni di finanziamento, integrando pienamente la sostenibilità nel piano di finanziamento globale del Gruppo Enel.

Il bond, comunica Enel, ha ricevuto richieste in esubero per quasi 6 volte, totalizzando ordini per un ammontare pari a circa 3 miliardi di sterline ed una partecipazione significativa di investitori socialmente responsabili (SRI). Il successo di tale emissione rappresenta un chiaro segnale di riconoscimento della strategia sostenibile di Enel e della sua capacità di generare valore contribuendo al conseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibili fissati dalle Nazioni Unite.

Per la realizzazione di questa operazione, Enel si è avvalsa di un sindacato di banche nell’ambito del quale hanno agito, in qualità di joint bookrunners: Barclays, BNP Paribas, Bank of America Merrill Lynch, Citi, Crédit Agricole CIB, Deutsche Bank, Goldman Sachs International, HSBC, J.P. Morgan, Morgan Stanley, Natixis, Société Générale Corporate & Investment Banking.

Chiomenti ha affiancato i legali in house di Enel (Francesca Romana Napolitano, Simona Florio e Alessandra Bellani) con un team guidato dal managing counsel Benedetto La Russa, coadiuvato dall’associate Pietro Tirantello. Gli aspetti fiscali sono stati seguiti dal partner Raul-Angelo Papotti, dal counsel Giovanni Barbagelata e dall’associate Simone Schiavini.

Linklaters ha agito con un team guidato dalla counsel Linda Taylor , Milano, e dal partner Alexander Harmse, Amsterdam. Il team è stato coadiuvato dalla managing associate Laura Le Masurier e dall’associate Matteo Pozzi, Milano, e dal managing associate Menno Baks e dal junior associate David Gilder, Amsterdam per gli aspetti di capital markets. Gli aspetti fiscali sono invece stati seguiti dal counsel olandese Joost Rompen.

Nctm nell’emissione del primo minibond di Hal Service

Nctm Studio Legale ha agito quale deal counsel nell’emissione da parte di Hal Service, società di informatica e telecomunicazioni che progetta, realizza e gestisce infrastrutture e applicazioni, del suo primo minibond, del valore di 1 milione di Euro e durata di 48 mesi che le consentirà di sostenere il suo piano di crescita.

Il prestito obbligazionario è stato integralmente sottoscritto da investitori istituzionali ed è negoziato sul segmento Extramot Pro 3 di Borsa Italiana.

Nctm Studio Legale  ha agito in qualità di deal counsel con un team composto da Lukas Plattner e Andrea Iovieno, con il supporto di Giacomo Abbadessa.

Arpe Group è l’advisor finanziario di questa emissione, mentre Volksbank ha agito come arranger e co-collocatore. Nell’ambito dell’operazione CrowdFundMe, piattaforma di Crowdinvesting quotata su AIM Italia, ha agito quale co-collocatore, completando la sua prima operazione di emissione di obbligazioni negoziate sul segmento Extramot Pro 3.

Scroll to top