DLA Piper con SAXA GRES per l’emissione del Grestone Bond

LinkedIn

DLA Piper ha assistito Saxa Gres S.p.A. nell’emissione del nuovo prestito obbligazionario “Grestone Bond a Tasso Fisso – Scadenza 2023” di importo nominale complessivo fino a Euro 75 milioni e nella relativa ammissione a negoziazione sul sistema multilaterale di negoziazione “Third Market” di Vienna.

Il prestito obbligazionario, destinato ad investitori qualificati, è stato sottoscritto in parte da nuovi investitori, ed in parte dagli obbligazionisti dei due prestiti precedentemente emessi da Saxa Gres mediante adesione a un’offerta privata di scambio con il nuovo bond. Pertanto, contestualmente all’emissione del nuovo bond, si è proceduto all’annullamento delle precedenti obbligazioni della Società. Il nuovo prestito obbligazionario è garantito, fra l’altro, da ipoteche, privilegi speciali, pegno su brevetti e su azioni.

Il prestito obbligazionario è volto a finanziare l’avvio di un innovativo processo di economia circolare, al fine di attuare una strategia di diversificazione ed espansione dell’azienda sui mercati europei e la creazione di un grande polo della ceramica Made in Italy.

Saxa Gres è una delle società più innovative in Italia nella produzione di piastrelle e materiali per la pavimentazione. Con i suoi impianti situati nei pressi di Anagni, Saxa Gres si è dotata di processi produttivi improntati alla riqualificazione e valorizzazione di materiali inerti, sottratti allo smaltimento ed integrati nel prodotto, con l’innovazione della circular economy. Nel quadro di questo progetto, l’azienda ha acquisito nel febbraio 2018 lo stabilimento della ex Ideal Standard situato nel vicino comune di Roccasecca, nel contesto di un progetto di riconversione condiviso con Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Lazio e Invitalia ed attuato tramite la creazione di una partecipata al 100%, la Saxa Grestone S.p.A.

L’operazione ha visto coinvolto il team di debt capital markets, con il partner Luciano Morello, coadiuvato dagli avvocati Fiorenza Marin, Gilemma Nugnes, Roberto Trionte e Martina Antoniutti, che ha seguito gli aspetti inerenti all’offerta privata di scambio, all’emissione e all’amissione a negoziazione del prestito obbligazionario. Il team di banking and finance guidato dal legal director Claudio D’Alia, sotto la supervisione del partner Giovanni Ragnoni Bosco Lucarelli, coadiuvato dall’avvocato Gianfranco Giorgio e dal Dott. Raffaele Costanzo, ha curato, fra l’altro, i profili relativi alla costituzione delle garanzie a favore degli obbligazionisti del nuovo prestito obbligazionario ed al rilascio delle garanzie relative ai precedenti bond. Inoltre sono stati coinvolti il team tax, con il partner Andrea Di Dio, ed il team equity capital markets con il partner Francesco Aleandri.

Share.

Comments are closed.